Test

TESTED – Kenda Karma 2 Pro: leggerezza, prestazioni e trazione!

Abbiamo ricevuto da Kenda una coppia di nuove Karma 2 Pro e Pinner Pro. Oggi parleremo delle prime testate su una Trail bike leggera in alluminio e scattante di cui abbiamo effettuato un profondo aggiornamento ripartendo dal solo telaio e di cui vi parleremo nei prossimi mesi.

Prima di scendere nel dettaglio delle prestazioni e delle sensazioni che abbiamo avuto in sella è bene, come di consueto, analizzare le caratteristiche tecniche delle Karma 2 

PRESTAZIONI IN SALITA

Installazione monto rapida e tenuta al  tubeless istantanea anche senza lattice (giusto per confermare l’ottima realizzazione e tenuta delle spalle). Il sistema TR permette di avere uno pneumatico molto leggero e performante in termini di resistenza bassa al rotolamento e trazione. Le accelerazioni sono rapide e il trasferimento di watt è massimo.

Se osserviamo il disegno del battistrada abbiamo una tassellatura laterale maggiore e più pronunciata che in salita non entra in azione ma in discesa come vedremo svolge il suo compito. Trazione non è solo la principale caratteristica ma anche ottima direzionalità all’anteriore data anche da un compound soft che aiuta a copiare le piccole asperità con la giusta pressione impostata( circa 1.5 bar anteriore e posteriore su cerchi con canale interno 24 mm e 29″).

PRESTAZION IN DISCESA

La mescola morbida soprattutto lateralmente, insieme ad una spalla resistente agli urti laterali, spostano il segmento di utilizzo di questo pneumatico, a nostro avviso, dall’ XC al Trail senza timore e con grande performance. Tenuta in curva elevata, rapidità di risposta e tenuta in frenata anche su terreno molto secco. Ovviamente quando la stagione invernale è alle porte il disegno del copertone non permette di scaricare e/o accumulare fango e gestirlo al meglio, ma è un buon all-round. Al posteriore regge bene frenate e salti senza collassare facilmente sotto gli impulsi provenienti dal  terreno e permettendo di proteggere bene il cerchio da “finecorsa” del copertone stesso.

CONCLUSIONI

I Kenda Karma 2 Pro sono degli ottimi copertoni che possono essere sfruttati dal secco estivo fino al terreno loam autunnale con qualche accortezza. Ottima resistenza agli urti, scorrevolezza e design del battistrada ottimizzato per lunghi chilometraggi ma senza temere una guida aggressiva ed allegra anche nelle discese più impegnative. Il feeling e la prevedibilità di comportamento sono elevati sin dai primi chilometri ed il rider si sente subito “a casa” questo permette rapidamente di apprezzare la scorrevolezza e avere bassi tempi di adattamento per spingere in discesa come si vorrebbe con, per esempio, una Trail bike leggera ma aggressiva.

Consigliamo proprio per questa tipologia di utilizzo le Kenda Karma 2 Pro!

About the author

Edoardo

29 anni, Ingegnere meccanico. Grande appassionato di mountainbike fin dall’adolescenza nonchè di outdoor sports, mountaineering, trail building e meccanica applicata allo sport e competizioni. Adoro i single track veloci che alternato tratti flow e con salti naturali ed artificiali di media entità a tratti con radici, rock garden, gradoni in cui tecnica equilibrio e  conoscenza del mezzo vanno messi in primo piano.

Add Comment

Click here to post a comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.